menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ufficiale: Andrea Spera è un nuovo giocatore della Bakery

Centro, classe 1996, arriva da Cecina e in passato ha vestito le maglia dell'Italia giovanile dall'Under 15 fino all'Under 20

Andrea Spera è un nuovo giocatore della Bakery. Dopo aver risolto il contratto con Andrea Crosariol, passato nei giorni scorsi a Pistoia, il presidente Marco Beccari non ha perso tempo e ha messo a disposizione di coach Di Carlo il centro classe 1996, proveniente da Cecina dove ha giocato le ultime stagioni in Serie B. Classe 1996, 206 centimetri per 102 chili, Spera ha alle spalle parecchie convocazioni con l’Italia giovanile, avendo vestito la maglia azzurra dall’Under 15 all’Under 20. Nelle ultime ore si è già allenato con la squadra biancorossa ed è stato regolarmente tesserato; Di Carlo lo avrà dunque a disposizione per la trasferta in calendario sabato sera a Verona e in caso di necessità potrebbe mandarlo in campo a contribuire alla causa della Bakery.

Spera proprio nei giorni scorsi aveva risolto il contratto con Cecina, formazione con cui aveva ripreso l'attività dopo un infortunio che l’aveva tenuto fuori gioco per circa un mese. Ora, completamente recuperato, porta centimetri alla causa biancorossa.

Le sue prime parole da giocatore della Bakery: «Sono molto contento d'essere  a Piacenza - racconta Spera - perché lascio una situazione non semplice a livello personale in quel di Cecina. Trovare un'opportunità come questa, in una categoria superiore ed in una squadra simile è per me l'ideale, per provare a far vedere in A2 le mie capacità. Sono un "5" non tipicissimo, nel senso che non vivo solo di post basso, ma di movimento e scarichi, anche perché sono alto ma in categoria troverò giocatori più grossi, contro i quali non si può giocare di forza ma di movimento, di rapidità. Quello che mi viene chiesto è di dare energia ed entusiasmo in un gruppo che, nonostante le sconfitte, non mi è sembrato comunque triste. Cosa mi aspetto? Di fare esperienza, di capire come funziona la Serie A2 alla mia prima volta e se sono in grado di stare in categoria. Voglio dare una mano alla squadra, che ha tutte le potenzialità per il discorso salvezza. La classifica poi è cortissima, un paio di vittorie possono dare una grandissima mano».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento