Questo sito contribuisce all'audience di

Pastore: «Vogliamo conquistare i play out. E non mi aspetto un'Assigeco appagata». VIDEO

Il biancorosso è stato grande protagonista della vittoria con Ravenna nonostante sia sceso in campo con uno strappo muscolare

Andrea Pastore carica la Bakery verso il derby di sabato

Una stagione si decide in una sera. Appuntamento alla vigilia di Pasqua per la gara che in casa Bakery vale un’intera annata. Non è una partita come le altre, perché in palio c’è la possibilità di non retrocedere, l’opportunità di continuare a sperare quando una settimana fa questa eventualità sembrava sepolta sotto dieci sconfitte consecutive. Invece i biancorossi sono ancora vivi, ma per non svegliarsi dal sogno devono battere l’Assigeco nel derby che un calendario crudele ha piazzato all’ultima giornata di campionato e sperare che Cento perda in casa di Verona. Il successo ottenuto domenica scorsa a Ravenna in condizioni complicate (con tutta la panchina praticamente inutilizzabile) ha riportato entusiasmo in casa Bakery, che adesso si gioca tutto nella sfida contro la squadra di Ceccarelli, già salva e senza speranze di play off.

Non vogliamo sembrare blasfemi, ma in un periodo di Pasqua chi credeva nella resurrezione di questa Bakery?

«Io ero uno di quelli – spiega Andrea Pastore, domenica scorsa decisivo nonostante uno strappo muscolare – anzi, sono uno di quelli. Perché ci ho sempre sperato e ci ho sempre creduto. Però l’obiettivo non è ancora stato raggiunto, dobbiamo vincere sabato e guardare al risultato di Cento».
Partiamo dalla sfida in casa di Ravenna: possiamo definirla un’impresa?

«Sì, perché avevamo a disposizione cinque giocatori, massimo cinque e mezzo perché Andrea Spera stava ancora male. Abbiamo sofferto quasi tutta la partita, siamo andati sopra a due minuti dalla fine e all’overtime ci siamo presi il bottino pieno».

Fra i cinque e mezzo c’eri tu che in realtà non avresti neanche dovuto giocare per uno strappo abbastanza importante che ti trascini da qualche giorno.

«Vero, eravamo quattro e mezzo. Ho avuto un problema a Cagliari e teoricamente non sarei potuto scendere in campo, ma è più forte di me. Nessuno mi ha obbligato, mi sentivo in condizione e ho giocato. E’ andata bene».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tisci: «Le scuole calcio possono riaprire. Ma sarà vietato colpire di testa»

  • Piacenza - Rosa cortissima e demotivata, se la Serie C dovesse ripartire sarebbe un problema

  • Dilettanti - Piraccini, Bruno, Minasola, Franchi, Lucci, Burgazzoli, Raffo, Guebre e Follini sono i re del gol

  • Fallimento Pro Piacenza - Il Tribunale mette in vendita beni mobili per 54mila euro

  • Vertice Governo-Figc: Serie A e B ripartono il 20 giugno. In stand by la Serie C. E il Piacenza cosa farà?

  • Dilettanti - Altroché "moria", le società di Seconda e Terza Categoria pronte per la prossima stagione

Torna su
SportPiacenza è in caricamento