rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Basket

Pagani: «Con Portannese è arrivato il miglior giocatore possibile sul mercato. Ci darà un grande aiuto»

Il direttore sportivo dell'Assigeco dopo l'inserimento del roster del nuovo acquisto. «Porterà una grande esperienza al servizio della squadra. Le prossime settimane per noi saranno fondamentali»

L’infortunio di Gherardo Sabatini ha scardinato tutti gli equilibri in casa Assigeco Piacenza, che dopo aver raggiunto l’apice della forma inanellando un filotto di cinque successi consecutivi tra cui l’exploit con la Vanoli Cremona, si è trovata ad affrontare un momento di difficoltà con la sconfitta casalinga di domenica contro l’Urania Milano che ha allungato a tre la striscia aperta di ko. Lo stop del proprio capitano, i cui tempi di rientro sono stimati in circa tre mesi, e altri problemi fisici che in questo periodo stanno condizionando l’ottimo cammino in campionato finora dei biancorossoblu, ha portato la società alla decisione di tesserare Marco Portannese, inattivo in questa prima metà di stagione dopo aver concluso la scorsa annata con la canotta dell’Urania Milano. Portannese vanta nel curriculum anche diverse esperienze in Serie A e alcune presenze con la canotta della nazionale. Il direttore sportivo Alessandro Pagani analizza i motivi dell’acquisto del classe 1989 italo-svizzero.

«Dopo l’infortunio di Gherardo Sabatini abbiamo valutato con attenzione il mercato per cercare un giocatore che potesse sopperire alla sua assenza, e in accordo con la società abbiamo deciso di acquistare Marco Portannese fino al termine della stagione perché è senza dubbio il miglior giocatore attualmente disponibile sul mercato. È un profilo di altissimo livello, che vanta già parecchie esperienze in Serie A2 e che ha calcato anche palcoscenici importanti in massima categoria oltre a vantare diverse presenze con la nazionale svizzera. Ringrazio la società, in particolare il presidente Franco Curioni, per l’ennesimo sforzo economico di questa stagione».

Che contributo può dare al vostro roster Marco, specialmente in questo momento di difficoltà a causa dei diversi infortuni?

«Ci potrà dare una grande mano in questo momento di difficoltà, essendo un giocatore molto duttile e capace di ricoprire più ruoli, tra cui quello di playmaker. Difensivamente si sposa perfettamente con la nostra filosofia. Sappiamo che non appena sarà integrato pienamente con il gruppo potrà portare una grande esperienza al servizio della squadra».

Guardando in ottica futura, con il rientro di Sabatini sarà un ottimo cambio del playmaker bolognese o ci saranno momenti in cui li vedremo in campo insieme?

«Naturalmente tutti speriamo che Sabatini possa rientrare prima del termine della stagione: il nostro obiettivo principale non cambia assolutamente ed è quello di approdare ai playoff: dobbiamo tutti essere più forti degli infortuni. Abbiamo scelto di portare Marco a Piacenza anche nell’ottica di poter giocare insieme a “Saba”, viste le sue caratteristiche tecnico-tattiche e la capacità di ricoprire più ruoli. Tengo a precisare che il focus che dobbiamo avere in questo momento è solo sulle partite che avremo nelle prossime settimane che per noi sono fondamentali, dove dovremo cercare tutti insieme di invertire questo trend negativo, perché abbiamo tutte le carte in regola per concludere la regular season nel migliore dei modi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pagani: «Con Portannese è arrivato il miglior giocatore possibile sul mercato. Ci darà un grande aiuto»

SportPiacenza è in caricamento