Questo sito contribuisce all'audience di

Ares battuto, per il Piacenza primo doppio successo stagionale e ultimo posto abbandonato

Protagonista di giornata il lanciatore Gabriel Molina, decisivo nonostante i quattro punti di sutura ad un ginocchio per un infortunio patito in settimana

Gabriel Molina ha trascinato i compagni al successo

Doppia vittoria doveva essere e doppia vittoria è stata. Al De Benedetti il Piacenza centra il primo en-plein stagionale, difficile da ottenere ma alla fine meritato (8-3 e 5-4 i risultati). Con questa iniezione di punti i biancorossi possono risalire la classifica lasciando l'ultimo posto all'Ares. Ora il campionato osserverà una sosta per riprendere a fine agosto.

GARA1

ARES            0-0-0-0-0-0-2-1-0     3                                                                                                                                      PIACENZA     0-0-0-0-1-0-0-7-R     8

ARES: Manzoni 1b/c, Vitali ec, Zamora ss, Perez dh(Toso ed), Righetto ed (Bottarelli), Casciello 2b/1b, Troisi c (Reggiani, Mattioli ed), Kentaro 3b. Lanciatori: Bedini (rl4 bv2 bb3 k8 pgl0), Toso (rl3.1 bv2 bb3 k4 pgl2), Mattioli (rl0.2 bv3 bb2 k1 pgl0).

PIACENZA: Gardenghi 3b, Minoia es, Cetti ec, Chacon c, Calderon dh/ed, Capra 1b, Pinoia ed (Molina lan), Albasi 2b, Casana ss. Lanciatori: Cufrè (rl6 bv5 bb6 k7 pgl0), Sanna S. (rl1 bv2 bb1 k1 pgl2), Molina (rl2 bv1 bb1 k3 pgl0).

La partita d'esordio si risolve al penultimo inning e prima d'allora può tranquillamente riassumere la sua cronaca nel gran numero di occasioni perdute dal Piacenza. I due lanciatori partenti Cufrè e Bedini sono dominanti ma davvero i padroni di casa sciupano tante opportunità per chiudere anzitempo i giochi. Al 2°, al 3° ed al 7° inning caricano le basi senza riuscire a spingere a casa punti. Due battute valide in sette attacchi sono lo specchio di un Piacenza molle nel box che, nonostante il punto segnato al 5° da Minoia grazie a due lanci pazzi, al 7° si trova sotto 2-1. Il finale per fortuna raddrizza le cose con le prestazioni dei rilievi a fare la differenza. Quello dell'Ares incassa 5 valide (Albasi, Gardenghi, Chacon ,Calderon e Capra) e 7 punti mentre Molina chiude la strada ai milanesi salendo in cattedra con una sola valida, un punto e tre eliminazioni al piatto. La differenza sta tutta qui per un successo piacentino che non fa una grinza. 

GARA2

ARES            0-0-1-0-2-0-0-0-0-1      4                                                                                                                                  PIACENZA     1-2-0-0-0-0-0-0-0-2      5

ARES: Vitali 3b, Casciello 1b, Zamora ss, Perez dh, Toso 2b (Kentaro), Bedini es (Bottarelli, Villa), Mattioli ec, Scrima ed, Troisi c. Lanciatore: Manzoni (rl9 bv10 bb3 k9 pgl3).

PIACENZA: Gardenghi 3b, Minoia es, Cetti ec, Chacon c, Calderon dh/ed, Capra 1b, Pinoia ed (Molina ed/lan), Albasi 2b, Casana ss. Lanciatori: Corsaro (rl8 bv10 bb1 k9 pgl2), Sanna L. (rl1.1 bv1 bb1 k0 pgl0), Molina (rl0.2 bv0 bb0 k2 pgl0).

Al pomeriggio ci vuole il tie-break al primo inning supplementare per poter decretare un vincitore. Emozioni da vendere con Piacenza capace di replicare la vittoria del mattino sul filo di lana. I biancorossi lascerebbero presagire un grande match vista la loro scoppiettante partenza. Al primo attacco doppio di Gardenghi e singolo di Minoia per l'1-0. Al secondo solo-homer di Capra, singoli di Pinoia e Albasi con volata di sacrificio di Minoia per il 3-0. Ma sul più bello l'attacco biancorosso s'inceppa e per sette lunghi inning non produce nulla di particolarmente efficace. A giovarsene è l'Ares che non senza fatica (Corsaro infatti lancia con mestiere e precisione) riesce a raggiungere il 3-3 al 5°. Da quel momento si assiste ad un braccio di ferro ricco di tensioni. Gli episodi sono tanti ma non tali da scuotere il punteggio che resta in parità fino al 9°. L'Ares accarezza la vittoria col punto che lo porta sul 4-3 ma non va oltre perchè gli ultimi due out li firma il solito Molina, salito da closer ed ancora vincente. Per il sorpasso decisivo al Piacenza basta poco. Si parte già con due corridori in base come prevede il regolamento per i supplementari e sulla smorzata di Minoia la difesa dell'Ares si disimpegna come peggio non potrebbe consentendo a Casana e Gardenghi di arrivare a punto nel corso della stessa azione per il 5-4 definitivo. Piacenza completa così la doppietta di giornata ringraziando la propria caparbietà e soprattutto i propri lanciatori, su tutti Gabriel Molina. Due volte decisivo, due volte vincente nonostante i quattro punti di sutura ad un ginocchio per un infortunio patito in settimana. L'eroe di giornata è lui. Adesso Piacenza non è più ultimo e non troppo lontano da chi lo precede e può attendere in serenità la ripresa del campionato a settembre.

RISULTATI: PIACENZA-ARES 2-0 (8-3;5-4 al 10°), MILANO-FOSSANO 1-1 (3-9; 20-4 al 7°). Riposo: CODOGNO.

CLASSIFICA: MILANO 667 (6-4-2), FOSSANO e CODOGNO 625 (8-5-3), PIACENZA 375 (8-3-5), ARES 167 (6-1-5).  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

Torna su
SportPiacenza è in caricamento