rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Atletica

Andrea Dallavalle ottavo agli Europei di Salto triplo. «E' andata bene»

Per il piacentino la misura di 16.90 non è ancora valida come minimo per le Olimpiadi

I miglioramenti ci sono, ma per le Olimpiadi serve ancora uno sforzo. Andrea Dallavalle chiude ottavo gli Europei di Salto triplo con la misura di 16.90 che replica in due dei sei salti a disposizione; una buona prestazione ma comunque ancora non sufficiente per raggiungere il minimo richiesto per i Giochi di Parigi, fissato a 17.22.

Nella gara vinta dallo spagnolo Diaz con 18.18, record dei campionati, davanti al portoghese Pichardo con 18.04 e al francese Gogoia con 17.38, il piacentino esordisce con un nullo per poi atterrare a 16.63. E’ ottavo, ma ancora non sicuro di qualificarsi per i tre salti di finale, obiettivo che raggiunge con il 16.90 alla terza prova. La sua esultanza è rabbiosa, è evidente che si è tolto un peso dopo un periodo travagliato, ma nei salti successivi non riesce a migliorarsi, con un altro nullo, di nuovo 16.90 e la chiusura a 16.85 sotto gli occhi del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nella serata che festeggia l’oro di Nadia Battocletti nei 10000 metri, l’argento con record italiano di Alessandro Sibilio nei 400 ostacoli e soprattutto la vittoria di Gimbo Tamberi con 2.37 nel Salto in alto.

«E' andata bene - il commento di Dallavalle - ho fatto il possibile per arrivare sopra i 17 metri e lottare per il podio, ma per certe misure non sono ancora pronto. Dopo le qualificazioni sono sceso in pedana con più cattiveria, raggiungendo misure che mi mancavano da un po'».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Dallavalle ottavo agli Europei di Salto triplo. «E' andata bene»

SportPiacenza è in caricamento