menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ritorno di Dordoni a Bologna dopo l'oro di Helsinki (Tratto dal libro “Due Torri e cinque cerchi” di Franco Cervellati, Edizioni Millennium, 1999, pag. 69)

Il ritorno di Dordoni a Bologna dopo l'oro di Helsinki (Tratto dal libro “Due Torri e cinque cerchi” di Franco Cervellati, Edizioni Millennium, 1999, pag. 69)

Bologna dedica una strada a Pino Dordoni

A Piacenza gli hanno intitolato il campus dedicato all’atletica, a Bologna una strada. Pino Dordoni, uno dei più grandi sportivi piacentini, capace di lasciare un segno indelebile nel mondo della marcia e dello sport in generale, adesso ha uno...

A Piacenza gli hanno intitolato il campus dedicato all’atletica, a Bologna una strada. Pino Dordoni, uno dei più grandi sportivi piacentini, capace di lasciare un segno indelebile nel mondo della marcia e dello sport in generale, adesso ha uno spazio dedicato anche nel capoluogo emiliano. Da qualche mese all’indimenticato vincitore delle Olimpiadi di Helsinki del 1952 è intitolata un’area pedonale denominata Passaggio Giuseppe Dordoni, all’interno del Giardino Lunetta Gamberini che si trova verso San Lazzaro di Savena, vicino agli impianti utilizzati dal Castiglione Murri di basket.
Nei mesi scorsi il Coni bolognese aveva suggerito al Comune una lista di sportivi a cui dedicare vie e spazi del territorio: “nominativi - avevano spiegato - proposti non solo per i risultati agonistici ottenuti, ma anche perché si parla di atleti che hanno rappresentato importanti valori etici”. Dordoni, quando vinse le Olimpiadi nel 1952, era tesserato per i bolognesi della Virtus.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento