rotate-mobile
Appuntamenti

Andrea Dallavalle alla scuola Alberoni per raccontare la sua avventura olimpica

L'atleta piacentino, nono ai Giochi di Tokyo nel Salto Triplo, ha parlato ai ragazzi nell'ambito del progetto “Un anno da campioni”

Dalla pedana di Tokyo, dove ha chiuso le Olimpiadi del Triplo al nono posto, ai banchi della scuola Alberoni. Andrea Dallavalle per un giorno è diventato insegnante per raccontare la sua avventura a Cinque cerchi agli studenti dell'istituto piacentino. Tanta curiosità e una grande simpatia, con la speranza che qualcuno dei giovanissimi pronti ad ascoltarlo questa mattina possa prendere spunto per avvicinarsi allo sport. “Un anno da campioni” è il progetto promosso dalla direzione didattica del Secondo Circolo (le scuole Alberoni e Mazzini) con l'intento di promuovere concretamente l'educazione motoria nelle classi. La direttrice Giovanna Solari ha accolto la proposta del maestro di sport Carlo Devoti, il cui compito è quello di coinvolgere, nelle 14 giornate in programma, le 40 classi in esercitazioni divertenti quali i giochi popolari con il compito di suscitare nei giovani alunni interesse verso la pratica motoria. Il quartiere Roma è abitato da tante famiglie che provengono da 47 nazioni del mondo ed è risaputo che lo scambio fra differenti culture e tradizioni costituisce un’esperienza sociale con cui si creano vincoli e legami di amicizia. Il gioco si caratterizza proprio per il suo spirito unificante, al di là di tutte le differenze e le diversità. Per questo dialogare attraverso il gioco permette a bambini di culture e etnie diverse di conoscersi e di stabilire rapporti prima di utilizzare la stessa lingua. “Pensate cosa può rappresentare – spiega Carlo Devoti - il gioco nell' inclusione di un bambino ancor poco attrezzato nel parlare, nel leggere, nello scrivere e nel doversi adattare ad una diversa mentalità. Il bambino, può invece possedere pari opportunità nell'ambito del gioco e di quelle attività motorie che lo vedono forte, veloce, resistente, destro, volitivo, adatto alla fatica”. Arriva così anche per lui il momento di gloria che favorisce senza alcun dubbio l'accettazione da parte dei loro pari, come testimoniato dalle miriadi di esperienze vissute nell'ambito delle iniziative internazionali che Devoti organizza dal 1984. L'esperienza si completa nei pomeriggi con attività extrascolastiche che si riferiscono all' arte e allo sport e sono coordinate nell'ambito del progetto “Piccoli e grandi: il Quartiere Roma cammina insieme”.

Sempre in merito allo sport, in questi giorni, in qualità di ospite d'onore, il campione piacentino di salto triplo Andrea Dallavalle ha incontrato alcune classi dell'Alberoni per portare loro il frutto delle sue esperienze e motivarli a praticare il gioco e lo sport come opportunità educativa e stile di vita. Il 22enne Dallavalle ha trasmesso l’esperienza dei recenti Giochi Olimpici di Tokyo, ai quali ha partecipato, si è confrontato discutendo dei valori dei Giochi trasmessi fra cui l'amicizia, l'intercultura e la pace. L'iniziativa si concluderà il 14 maggio con la partecipazione alla Giornata Olimpica che si terrà allo stadio Daturi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Dallavalle alla scuola Alberoni per raccontare la sua avventura olimpica

SportPiacenza è in caricamento