menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gabriele Dosi non ha potuto disputare la finale a causa di un infortunio

Gabriele Dosi non ha potuto disputare la finale a causa di un infortunio

A Darfo Boario arrivano cinque medaglie per gli atleti del team Hibreed Mma Piacenza

Tanti infortuni condizionano la prima tappa di qualificazione agli italiani, ma i risultati arrivano ugualmente

Entra nel vivo la stagione delle mixed martial arts dilettantistiche con l'inizio delle qualificazioni ai campionati italiani targati Fikbms. Alla prima tappa di Darfo Boario Terme il team Hibreed Mma Piacenza a causa dell'infermeria piena si presenta con solo cinque atleti. Un tema, quello degli infortuni, che purtroppo pregiudicherà le prestazioni della giornata. Andrea Ziliani per carenza di avversari è costretto a salire nei pesi piuma; di fronte ad avversari fisicamente più strutturati la sua spalla fatica a lavorare costringendolo ad uscire in semifinale con una onorevole medaglia di bronzo al collo.

Ovidio Lucutar nei pesi leggeri procede spedito fino alla semifinale dove incontra il campione italiano in carica, ne esce un match molto equilibrato nel quale il campione fa valere la maggiore esperienza portando a casa la vittoria, che per l'atleta piacentino vuol dire medaglia di bronzo. Domenico Marcianò, sempre nei pesi leggeri, esce al primo turno. Per lui, alla seconda esperienza in gara, vuol già dire molto essere in grado di confrontarsi con atleti che aspirano al titolo italiano. Matteo Pezzani nei pesi medi macina avversari con discreta facilità, il prezzo da pagare è però il ripresentarsi di un infortunio alla mano che condiziona completamente la semifinale facendogli chiudere il torneo al terzo posto.

Gabriele Dosi anch'egli nei pesi medi vince tutti i match accedendo alla finale del torneo, che però non può disputare a causa di due duri colpi al costato durante la semifinale poi vinta: arriva così una medaglia d'argento con tanto amaro in bocca. Le mixed martial arts sono uno sport duro, ma la sicurezza degli atleti viene prima di tutto: rigidi controlli medici tra un match e l'altro possono portare allo stop medico a tutela della salute dell'atleta.

Ma la giornata non finisce quì, Lucutar non soddisfatto della sua prestazione decide di iscriversi anche al torneo di "kick-jitsu", disciplina simile alle mixed martial arts, dando prova di ottima tattica e arrivando fino alla finale dove in vantaggio ai punti perde per uno strangolamento "ai limiti" del regolamento. Una manifestazione che sicuramente lascia un po' insoddisfatti in casa Hibreed, ma volendo guardare il bicchiere mezzo pieno, cinque medaglie per quattro atleti sono un ottimo modo di iniziare il cammino verso i campionati italiani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Mezza Maratona Unicef

    Niente da fare, la Placentia Half Marathon non si disputerà nemmeno nel 2021

  • Volley A1 maschile

    Scanferla: «Il salto di qualità va fatto a livello mentale». VIDEO

  • Serie A

    "Fagioli convince" e la Gazzetta dello Sport gli dedica un'intera pagina

  • Volley A1 maschile

    Addio a Marco Arata, storico tifoso del volley piacentino

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento