Questo sito contribuisce all'audience di

Il travel blogger Claudio Pelizzeni è arrivato a Santiago de Compostela dopo 72 giorni con il voto del silenzio

Il viaggiatore piacentino: «Ascoltare gli altri come forma di condivisione più profonda».

Claudio Pelizzeni a Santiago de Compostela

Missione compiuta per il travel blogger piacentino Claudio Pelizzeni che, domenica scorsa, ha completato il suo pellegrinaggio arrivando a Santiago de Compostela. Partito da Bobbio oltre due mesi fa, ha percorso l’antica via dei pellegrini fino in Galizia, 72 giorni e 2089 chilometri tutti in rigoroso silenzio, ascoltando lungo il percorso quello che le persone incontrate avevano da dirgli ma senza poter parlare.
Il voto del silenzio, infatti, era la caratteristica di questo suo pellegrinaggio: ascoltare ma non parlare, un cammino che gli ha dato tante risposte.
«Di fronte alla cattedrale è terminato il mio voto del silenzio - ha spiegato attraverso il proprio canale Instagram, Triptherapy - da tanti criticato perché, sostenevano, mi avrebbe fatto perdere la parte più bella del cammino, ovvero la condivisione; sottovalutando tuttavia come la parola non sia altro che una delle tante forme di comunicazione e che in silenzio, se ci si pone davvero all’ascolto delle persone, si può arrivare anche a una condivisione maggiore e più profonda. Proprio per questa ragione avevo scelto il silenzio: perché la gente ha smesso di ascoltare. Gli altri prima di tutto, ma anche il mondo, la natura, se stessi. Si vogliono prevaricare gli altri con le proprie opinioni - prosegue Pelizzeni - senza preoccuparci minimamente di quello che pensa il nostro interlocutore, ciò che conta siamo solo noi in una visione totalmente egocentrica».
L’ascolto come forma di condivisione dunque, senza dover necessariamente parlare ma rimanendo zitti e in silenzio per 2mila chilometri e più. «Quando decisi di intraprendere questo pellegrinaggio non credo fossi in grado di quantificare cosa volessero realmente dire 2000 chilometri a piedi. E per fortuna che a volte sono un po’ incosciente e istintivo perché se me ne fossi reso conto probabilmente quel primo passo non l’avrei mai mosso».
Un percorso difficile, impegnativo, camminando dai 30 ai 40 chilometri tutti i giorni - «il record personale è stato di 47,5» aggiunge ridendo - da Bobbio, attraverso la Valtrebbia e gli Appennini, fino alla riviera ligure di ponente, la Costa Azzurra, la Provenza, l’Occitania, i Pirenei e infine l’altopiano delle Mesetas in Spagna per poi raggiungere la Galizia e Santiago de Compostela.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus - Piacenza-Sambenedettese non si gioca, tutto sospeso il calcio piacentino

  • Emergenza coronavirus: sospeso tutto lo sport provinciale

  • Piacenza - Squadra spenta e demotivata, servono nuove idee. La crisi dei biancorossi in tre punti

  • Scontri nel derby Reggiana-Piacenza: arriva il primo Daspo ma è solo l'inizio

  • Serie C - Un Piacenza troppo brutto per essere vero viene spazzato via dal Carpi

  • Piacenza - Marco Gatti: «Franzini non è in discussione». Il tecnico: «Carpi superiore»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento