Questo sito contribuisce all'audience di

Rugby - Carlo Orlandi torna ai Lyons, allenerà gli Avanti nella prossima stagione in Top12

L’ex Azzurro affiancherà Gonzalo Garcia nella guida della prima squadra, che affronterà nuovamente il campionato Peroni TOP12, nelle vesti di Allenatore degli Avanti, e si occuperà anche del ruolo di Coordinatore tecnico del Club a tutti i livelli

La Stagione Sportiva 2019/2020 si è conclusa come nessuno voleva: tutte le attività sono sospese fino al 30 giugno, e la decisione presa dalla Federazione Italiana Rugby è la più corretta, anche se sofferta. In questi momenti di difficoltà lo sport che tutti noi amiamo passa necessariamente in secondo piano. Ma la macchina Sitav Rugby Lyons, pur dovendo affrontare grosse difficoltà, non si è arrestata, e la strada che porta alla prossima stagione è già partita dal punto di vista organizzativo e strutturale. La prima mossa portata dalla società bianconera è quella di un graditissimo ritorno: dalla prossima stagione Carlo Orlandi tornerà a far parte della struttura tecnica bianconera, con un doppio ruolo. L’ex Azzurro infatti affiancherà Gonzalo Garcia nella guida della prima squadra, che affronterà nuovamente il campionato Peroni TOP12, nelle vesti di Allenatore degli Avanti, e si occuperà anche del ruolo di Coordinatore tecnico del Club a tutti i livelli.

È un ritorno, certo, ma Carlo Orlandi, in realtà, è sempre rimasto molto legato ai colori dei Lyons, il Club che lo ha formato e lo ha accompagnato fino a vestire la maglia azzurra. Classe 1967, Orlandi debuttò giovanissimo con la prima squadra dei Lyons nel 1985, dopo essere cresciuto all’interno del vivaio bianconero, costituendo uno dei punti fermi della squadra che in quegli anni militò nella massima divisione ottenendo grandi risultati: le presenze in maglia Lyons sono 181. Nel 1992 arriva la grande occasione con la maglia della Nazionale: convocato da Bertrand Fourcade esordisce contro la Scozia A, mentre l’anno dopo esordisce da titolare contro la Spagna in Coppa FIRA. Nel 1995 passa al Milan, con cui vincerà lo scudetto al primo tentativo, e si consacrerà come il tallonatore titolare della Nazionale, vincendo la Coppa FIRA 1997 battendo in finale la Francia nella storica partita di Grenoble. Nel 1998 si trasferisce per due stagioni a Rovigo, arrivando a disputare 41 presenze in maglia Azzurra fino al 6 Nazioni 2000, prima di chiudere la carriera in maglia Piacenza Rugby nel 2001. Alla straordinaria carriera da giocatore ha fatto seguito una brillante avventura da allenatore, spesso all’interno della filiera federale. Passato subito nel 2001 al ruolo di allenatore della Nazionale U21, dal 2003 ricopre il ruolo di allenatore della mischia della Nazionale Maggiore, collaborando nello staff tecnico di John Kirwan, Pierre Berbizier, Nick Mallett e Jacques Brunel. A questi incarichi ha anche affiancato il ruolo di Coordinatore della formazione dei tecnici per la FIR. Dopo undici anni cambia ruolo, passando alla guida della mischia della Nazionale U20 al fianco dell’ex compagno di squadra Alessandro Troncon, portando gli Azzurrini ad uno storico 8° posto alla Junior Rugby World Cup 2017. Proprio nel 2017 Orlandi passa allo staff tecnico delle Zebre, ricoprendo il ruolo di allenatore degli Avanti sotto coach Michael Bradley, ruolo ricoperto fino a questa stagione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Direttore Sportivo di Sitav Rugby Lyons Stefano Nucci si è detto entusiasta di questo gradito ritorno: “Carlo prima di tutto è un amico di tutti noi, che non ha mai fatto mancare il suo sostegno e i suoi consigli alla nostra società. Avere una risorsa di questo tipo a disposizione a tempo pieno deve essere una spinta ulteriore per tutti i nostri giocatori. Carlo è la storia della nostra società e del rugby italiano, e siamo convinti che la sua esperienza ad alto livello possa essere un valore aggiunto per la nostra società.” Orlandi ricoprirà infatti un doppio ruolo delicato, come spiega sempre il DS Nucci: “Affiancare Garcia alla guida della prima squadra sarà il ruolo più ‘esposto’ per Carlo, dove dovrà condurre a un importante miglioramento il nostro pack di avanti dopo alcune sofferenze di troppo nelle ultime stagioni. Stiamo già lavorando al futuro anche per quanto riguarda la rosa, e metteremo a sua disposizione il meglio possibile. La sua figura comporterà anche il ruolo di Coordinatore Tecnico del club, una figura indispensabile per una società ambiziosa come la nostra e che mira a produrre talenti attraverso il proprio vivaio. Un focus importante sarà dato al dialogo tra le varie categorie, alla formazione dei tecnici e della specializzazione dei giocatori nella fase di crescita e sviluppo. Riteniamo che Carlo abbia tutta l’esperienza e le doti per condurre il  nostro settore giovanile a nuovi successi e far sì che ritorni ad essere il nostro fiore all’occhiello. Mantenendo sempre come obiettivo finale la produzione di giocatori funzionali alla prima squadra.”
 
Carlo Orlandi, come già detto, è sempre stato molto legato alle vicende della squadra che lo ha fatto crescere, e ora ha l’occasione di mettersi al servizio dei colori bianconeri a tempo pieno. Un’emozione fortissima, come ci ha raccontato: “Questa opportunità è prima di tutto un piacere grandissimo, e solo in seconda battuta un vero e proprio impegno. Personalmente, mi sarebbe sembrato assurdo lavorare contro i Lyons in un altro club, per tutto quello che rappresentano per me. Sono chiamato ad un lavoro difficile e complesso, ma che sono pronto ad affrontare mettendo al servizio del club la mia grande esperienza sul campo.” Orlandi ha anche raccontato quali sono i suoi primi obiettivi, soprattutto come Coordinatore Tecnico del Club, in attesa di sapere come verrà organizzata la prossima stagione: “Il mio lavoro consisterà nell’affiancare tutti i nostri tecnici nel loro lavoro con i nostri ragazzi, con l’obiettivo di rendere il loro lavoro più efficace e produrre giocatori di talento. Il nostro club deve puntare a convincere tutti i ragazzi del settore giovanile delle loro capacità e a lavorare per raggiungerle. Se ogni ragazzo verrà spinto a raggiungere il proprio massimo livello di gioco, potremo toglierci grosse soddisfazioni. Per questo sto già lavorando alla programmazione del lavoro per la prossima stagione, coordinandomi con il club e sfruttando le risorse messe a disposizione.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «A settembre potrebbero ripartire i tornei del settore giovanile». E a ore la Figc ufficializza il nuovo protocollo per gli allenamenti

  • Fallimento Pro Piacenza - Il Tribunale mette in vendita beni mobili per 54mila euro

  • Si chiude l’era Gatti. Marco e Stefano escono dalla società, il presidente sarà Roberto Pighi

  • Roberto Pighi è il nuovo proprietario del Piacenza Calcio e cerca soci. Ecco come è composta la società

  • Otto anni, due promozioni, la B sfiorata nel Centenario. La famiglia Gatti ha lasciato un segno importante sul Piacenza

  • Piacenza - La cura dimagrante delle "rescissioni" permette di poter giocare almeno i playoff

Torna su
SportPiacenza è in caricamento