Questo sito contribuisce all'audience di

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Volley Academy Piacenza corre veloce. «Sogniamo le finali nazionali con l'Under 16. E il prossimo anno una Serie B»

La squadra piacentina è prima a punteggio pieno nel campionato regionale

 

Cinque gare giocate e nessun set perso in Under 16 regionale, primo posto con l’Under 18, terzo gradino della graduatoria in Serie C. Il cammino del Volley Academy Piacenza procede nella giusta direzione: «Puntiamo ad arrivare alle finali nazionali con l’Under 16» avevano dichiarato i dirigenti a inizio stagione e fino a questo momento i risultati stanno confermando che le ambizioni erano reali e non velleitarie.

«In effetti - spiega Corrado Marchetti, vice presidente della Vap - ci stiamo comportando bene e le varie classifiche lo confermano. Con l’Under 16, la nostra formazione di punta, siamo primi ed abbiamo già battuto 3-0 Modena, un risultato per noi storico».

Già dalla scorsa estate non avete nascosto gli obiettivi. Volevate arrivare fino in fondo, alle finali nazionali, e lo avete dichiarato pubblicamente.

«E’ nello spirito della nostra società: crediamo in quello che facciamo e investiamo parecchio condividendo gli obiettivi con i giocatori e lo staff. Speriamo di confermarci al comando in Emilia Romagna per poi prendere parte al campionato nazionale; sarebbe un risultato storico per la nostra provincia».

Under 16 come formazione di punta ma non esiste solamente quello in casa Volley Academy Piacenza.

«In effetti il nostro settore giovanile è composto da 200 tesserate, a partire dal minivolley per arrivare fino alla prima squadra, un movimento solido e in salute. Le nostre eccellenze sono Under 16 e Under 18 regionali, Serie C e Serie D, tutte disputate da gruppi molto simili e giovanissimi. Il progetto è permettere alle nostre giocatrici di crescere con obiettivi importanti».

Il vostro sogno a breve e medio termine?

«Poter prendere parte il prossimo anno alla Serie B con ragazze giovani. Sarebbe fantastico, vorrebbe dire proseguire il discorso che stiamo sviluppando da tre stagioni a questa parte».

L’aspetto tecnico è analizzato da Augusto Sazzi, responsabile del settore e allenatore delle squadre di punta del Volley Academy Piacenza.

«Puntiamo ad alzare il livello di tutte le nostre tesserate. Sono arrivato quest’anno e ho trovato giocatrici già di ottima caratura; questo rende il mio lavoro più semplice. Ma ci sono alcuni fondamentali che dobbiamo curare con attenzione perché salendo di livello assumeranno rilevanza sempre maggiore e tante ragazze devono migliorare. Però il terreno è molto fertile».

Con alcune squadre disputate più campionati e questo significa che non potete essere spesso in palestra per gli allenamenti. Come fai a gestire anche questo aspetto?

«Per il momento i vari gruppi stanno reagendo agli stimoli in modo fantastico, non hanno mai mancato a un allenamento esprimendosi al massimo in tutte le gare importanti; rispetto a quanto ci attendessimo abbiamo anche vinto troppo. Ma alla lunga questa situazione dovremo gestirla bene perché non sarà semplice portar le giocatrici nella condizione ideale agli appuntamenti decisivi, vale a dire verso fine stagione».

Da allenatore del settore giovanile cosa ritieni più importante a questo livello? Tecnica, testa o tattica?

«Per vincere le partite ci vuole una gran testa e un’ottima tattica. Ma io sono un amante della tecnica, penso che le ragazze abbiano bisogno di seguire un percorso che le porti anche oltre quanto stiamo facendo a Piacenza. Bisogna mescolare tutto: non è semplice ma in alcune cose sono cresciute in maniera esponenziale. Tanti complimenti agli allenatori con cui hanno lavorato in passato, ai dirigenti che permettono di allenarsi in una situazione ideale e soprattutto alle giocatrici che si stanno impegnando tantissimo».

Potrebbe Interessarti

Torna su
SportPiacenza è in caricamento