Questo sito contribuisce all'audience di

Canottieri Ongina, non si può più sbagliare

Sabato gara2 con Campegine: serve una vittoria per proseguire la serie

Coach Massimo Botti

Vincere per continuare a sognare, voltando pagina e non pensando a mercoledì scorso, perché i play off sono così: si resetta e si riparte da zero a zero, dopo una vittoria o una sconfitta. Sabato alle 21 a Monticelli la Canottieri Ongina sfiderà per la seconda volta i reggiani della Boschi Campegine nel duello della terza fase dei play off di serie B maschile iniziato in salita per i gialloneri piacentini con il 3-1 subìto mercoledì in terra reggiana al PalaKomodo. Così, i monticellesi dovranno per forza vincere (con qualsiasi punteggio) per continuare a inseguire la serie A2, portando il discorso all’eventuale “bella” di mercoledì alle 20,30 a Campegine.

In gara 1 la Canottieri Ongina ha pagato in termini di concretezza nella seconda parte del match, non sfruttando buone occasioni nel terzo e nel quarto set. Acqua passata ormai, però, e bisogna guardare avanti. Alla vigilia, a parlare è coach Massimo Botti. «Gara 1 – spiega il tecnico della Canottieri Ongina – è stata la classica partita da play off tra due squadre che si equivalgono e con situazioni di parziali che vengono inflitti. Purtroppo, noi le abbiamo subite nei momenti topici del terzo e del quarto set; a volte ci mancano le necessarie concretezza e lucidità. In ogni modo, non dobbiamo rammaricarci troppo per quello che è stato. Gara 2 sarà tutta un’altra partita e per noi sarà importante continuare a giocare con molta intensità, cercando in alcune situazioni di essere più pratici rispetto a mercoledì scorso. Ci aspettiamo un avversario che si è rinvigorito dopo il successo nel primo atto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per farcela, la Canottieri Ongina proverà a far leva sul fattore casalingo: in campionato, il rettangolo di gioco di Monticelli non è mai stato espugnato quest’anno da un avversario. L’unico a festeggiare, ma in Coppa Italia, fu Saronno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • Covid19 - I dati di martedì 31 marzo: 27 morti a Piacenza, il totale sale a 543. E' ancora un giorno di dolore

  • Maradona, Bruno Conti, Baresi e il Piacenza tutto italiano. Il capitano Settimio Lucci ci racconta 20 anni di carriera

  • De Joannon all’attacco: «Ho dato la mia disponibilità per dare una mano. Da medico voglio combattere il coronavirus»

  • Calcio Dilettanti e Podenzano in lutto: ci lascia Abele Boselli. «E' la storia che se ne va»

  • Magnacavallo, primario del Pronto Soccorso: «Vediamo una diminuzione degli accessi, la situazione inizia a essere più gestibile»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento