Questo sito contribuisce all'audience di

Il bilancio di Massimo Botti sulla stagione della Canottieri: «Nessuna recriminazione»

Il tecnico del Monticelli analizza l'annata dopo l'eliminazione nei play off per mano di Campegine: è stato bello lavorare con questo gruppo

Massimo Botti, per il secondo anno sulla panchina della Canottieri Ongina

Un bilancio a distanza di qualche giorno, con il setaccio della mente fredda che depura i sentimenti dal tipico bollore emozionale  a caldo dell’immediato post-partita. In casa Canottieri Ongina la sconfitta di mercoledì scorso nella decisiva gara 3 a Campegine ha chiuso la stagione dei piacentini in serie B, giunti per la seconda volta consecutiva ai play off di categoria. Dodici mesi fa era arrivato il trionfo nella serie finale contro Cisano, mentre quest’anno il cammino dei gialloneri si è fermato alla terza fase (penultimo ostacolo) per mano della Boschi Campegine, formazione reggiana ora a un passo dall’A2 dopo la vittoria casalinga in gara 1 contro Porto Viro.

In casa monticellese, in entrambe le avventure a guidare il timone tecnico è stato Massimo Botti, coach piacentino che ha condotto anche quest’anno Cardona e compagni alla fase-clou del campionato. Per lui, un lucido bilancio dell’epilogo e dell’intera annata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Partendo dal fondo – commenta Botti – un pizzico di rammarico c’è, non lo nascondiamo, perché questo gruppo aveva le qualità per arrivare fino alla fine. Riconosciamo, comunque, i meriti a un avversario come Campegine che ha lottato ed è cresciuto durante la serie, arrivando forse più pronto a gara 3».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • Covid19 - I dati di martedì 31 marzo: 27 morti a Piacenza, il totale sale a 543. E' ancora un giorno di dolore

  • Maradona, Bruno Conti, Baresi e il Piacenza tutto italiano. Il capitano Settimio Lucci ci racconta 20 anni di carriera

  • De Joannon all’attacco: «Ho dato la mia disponibilità per dare una mano. Da medico voglio combattere il coronavirus»

  • Calcio Dilettanti e Podenzano in lutto: ci lascia Abele Boselli. «E' la storia che se ne va»

  • I migliori anni - Si torna indietro di 17 stagioni

Torna su
SportPiacenza è in caricamento