Questo sito contribuisce all'audience di

Gardini: «Tutto deciso da battuta e ricezione». Cavanna: «La partita è lunga, non dura solo un parziale». VIDEO e pagelle

Il tecnico della Gas Sales: «Nel primo set dovevamo e potevamo approfittare di quel momento in cui siamo riusciti a fare cose importanti al servizio»

Nelli, Krsmanovic e Kooy a muro

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

«Battuta e ricezione». Sintetizza così Andrea Gardini il confronto fra Piacenza e Modena che ha visto gli ospiti conquistare un meritato 3-0 grazie principalmente alla prova eccellente mostrata dalla linea dei nove metri.

Il rammarico è legato al primo parziale, quando siete stati avanti 21-16 e avete anche avuto a disposizione un set point non sfruttato. Poi i vostri avversari hanno mostrato un altro passo.

«Credo che gran parte della partita – spiega Gardini – sia stato un esercizio di battuta e ricezione. Per un buon periodo abbiamo servito molto bene anche noi creando un bel gap, poi è toccato a loro metterci in difficoltà. Purtroppo durante il riscaldamento siamo stati costretti a registrare l’infortunio di Botto per cui l’uomo deputato a risolvere i problemi in seconda linea non era disponibile e a questi livelli si rischia di pagarlo molto caro. Poi quando gli attaccanti di Modena mettono la marcia alta diventa complicato per tutti».

Hai provato a cambiare il libero, hai modificato anche qualcosa nella formazione ma negli ultimi due set non c’è stata storia.

«Abbiamo cambiato la posizione dei ricevitori, soffrivamo moltissimo in zona sei-uno i servizi di Zaytsev e allora ho provato a invertire per avere Berger in campo in una situazione particolare, ma poi abbiamo subito il break da Anderson. Con così tanti battitori di livello la nostra coperta rischia di diventare corta. Molto bravi loro non solo in battuta, in generale ritengo stiano giocando una pallavolo già di ottimo livello; bisogna superarsi per restare al loro passo».

Domenica scorsa dopo la partita con Civitanova non eri per niente contento. Oggi?

«Non lo sono perché nel primo set dovevamo e potevamo approfittare di quel momento in cui siamo riusciti a fare cose importanti al servizio. Purtroppo non abbiamo tenuto la stessa pressione fino alla fine e lo abbiamo pagato. In alcune situazioni la squadra ha iniziato a mostrare cose interessanti, poi con questi problemi in ricezione diventa difficile costruire, perché al di là dei palloni staccati da rete sono i punti diretti a condannarti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Nibbiano super, stop Castellana. Impresa Sannazzarese

  • Seconda Categoria - Delirio a Caorso: il pubblico entra in campo e scoppia la rissa con i giocatori

  • Piacenza-Gubbio 1-0: Paponi-gol e i biancorossi tornano alla vittoria

  • Piacenza - Matteassi: «Successo meritato». Le pagelle: Paponi è un cecchino, Corradi ispira

  • La Gas Sales all'ultimo respiro: 3-2 a Vibo

  • Piacenza - Marco Scianò: «Ricompattiamo l'ambiente, solo così si possono ottenere dei risultati»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento