Questo sito contribuisce all'audience di

Marshall è ancora in campo in Turchia: «Ma pensare al volley è molto difficile»

Lo schiacciatore si sente quotidianamente con la madre che abita a San Nicolò mentre il padre è bloccato a Cuba dallo stop ai voli. «E anche io non so se riuscirò a tornare in Italia»

Leo Marshall in azione con la maglia di Piacenza

E’ uno dei pochi ancora in campo. Perché lo sport si è fermato in quasi tutto il mondo, ma in Turchia alcune manifestazioni sono ancora in corso, come la Coppa nazionale di volley che dal 21 al 23 marzo vedrà la Final eight maschile ad Ankara, rigorosamente a porte chiuse. A giocarsela ci sarà anche il Bursa di Leo Marshall, che a oltre 2mila chilometri di distanza segue con apprensione quanto sta succedendo in Italia e soprattutto nella nostra città.

«Qui la situazione è relativamente tranquilla – racconta lo schiacciatore che aveva iniziato la preparazione alla Gas Sales prima di trasferirsi in Turchia – ma sono in apprensione per mia mamma, che vive a San Nicolò, mentre mio papà è bloccato a Cuba e per il momento non riesce a tornare a causa dello stop dei voli».

Leo gioca a qualche decina di chilometri da Istanbul e per il momento tutte le attività sono ancora operative. «I casi di positività sono molto pochi, ma per strada c’è pochissima gente. Hanno invitato a rimanere in casa e qui tutti rispettano le regole, anche i più giovani. Sabato sera, per esempio, sono andato a fare la spesa in un centro commerciale ed era quasi deserto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti i giorni lo schiacciatore italo-cubano chiama sua mamma per sentire come è la situazione, preoccupato dai bollettini che vengono pubblicati quotidianamente e che vedono Piacenza come uno dei centri del contagio. «Mi dice che c’è una realtà angosciante e che le ambulanze passano in continuazione. Per quanto riguarda Cuba invece, dove attualmente si trova mio papà, ci sono 140 persone sotto osservazione: sembra che tre italiani provenienti dalla Lombardia abbiano portato il virus e le autorità stiano cercando di capire come muoversi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • Covid19 - I dati di martedì 31 marzo: 27 morti a Piacenza, il totale sale a 543. E' ancora un giorno di dolore

  • Maradona, Bruno Conti, Baresi e il Piacenza tutto italiano. Il capitano Settimio Lucci ci racconta 20 anni di carriera

  • De Joannon all’attacco: «Ho dato la mia disponibilità per dare una mano. Da medico voglio combattere il coronavirus»

  • Calcio Dilettanti e Podenzano in lutto: ci lascia Abele Boselli. «E' la storia che se ne va»

  • Magnacavallo, primario del Pronto Soccorso: «Vediamo una diminuzione degli accessi, la situazione inizia a essere più gestibile»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento