Questo sito contribuisce all'audience di

Pallanuoto - Sabato nella vasca del Foro Italico c'è in palio la B tra Piacenza e Valenzano Bari

E’ ormai solo una questione di ore quella che riguarda lo spareggio di Roma tra l’Everest Piacenza Pallanuoto ed il Master Valenzano di Bari.
Appuntamento alle ore 15, 30 nella vasca dei mosaici del Foro Italico di Roma per una partita secca che in caso di parità porterà le due squadre direttamente ai rigori. Il tutto per accedere ad una promozione in serie B che comunque rappresenta un salto importante, tant’è vero che, da questa categoria in poi, a gestire il tutto è proprio la Fin di Roma.
Abbiamo avvicinato il capitano di questa altrettanto giovane squadra, Alessandro De Bellis, classe 1992, figlio del fondatore di questa società nata nel 2002 a pochi km di distanza da Bari.

Come siete arrivati a vincere il vostro girone ?

Quest’anno la Fin di Roma ha deciso di fare un girone solo per la Puglia senza aggregare altre squadre di altre regioni limitrofe, e quindi ci siamo trovati con un numero di squadre inferiore; è bastata un po' di preparazione in più per cogliere il risultato.

Oltre che capitano della squadra tu rivesti anche il doppio ruolo di allenatore/giocatore, un compito difficile.

Di fatto in panchina c’è chi coordina il tutto e quindi il mio compito è alleggerito, poi in acqua i ragazzi mi ascoltano molto e quindi agevolano il mio lavoro.

Quali sono i punti di forza di questa squadra ?

Rispetto alla passata stagione è un gruppo molto nuovo; c’è stato il mio rientro dopo alcune esperienze in A e B qui a Bari oltre ad un anno giocato a Salerno, e poi abbiamo avuto quattro Under 17 dalla Waterpolo Bari che sono stati di grande sostegno per la nostra stagione.

Cosa ti spaventa di più di questa partita secca ?

Un punto a nostro sfavore è rappresentato sicuramente dal fatto di aver giocato un campionato corto, terminato quasi due mesi fa, ma siamo comunque riusciti ad allenarci compatti fino a questi giorni e spero di arrivare al meglio all’appuntamento di sabato.

Chi la spunta ?

Non so nulla del Piacenza, ma senz’altro un loro punto a favore, come detto al contrario per noi, è quello di aver fatto un campionato lungo e combattuto. E’ una finale e può succedere di tutto; molto dipende dall’aspetto mentale e dalla motivazione di ogni singolo giocatore. Chi scende in acqua più concentrato ha maggiori possibilità di spuntarla. Vedremo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Re è tornato. Daniele Cacia: «Ho sempre detto che avrei chiuso con la maglia del Piacenza: eccomi»

  • Serie C - Ecco i gironi ufficiali A, B e C della stagione 2019/2020. Il Piacenza nel B, tornano i derby

  • Interviene Roberto Pighi e convince Mattia Corradi a rimanere al Piacenza. C'è il «sì» del giocatore

  • Piacenza - Marco Gatti: «Ambizioni rinnovate, noi a testa alta». Matteassi: «Cacia arriva nel weekend». VIDEO

  • Calciomercato Piacenza - Di Molfetta saluta i biancorossi, andrà al Catania. Si punta a Marco Imperiale

  • Piacenza - Nocciolini e Del Favero: in settimana si può chiudere. Gatti e Pighi scatenati sul mercato

Torna su
SportPiacenza è in caricamento