Questo sito contribuisce all'audience di

Chiamata azzurra per Giacomo Carini e Gianni Ponzanibbio, in raduno con l'Italia

Il nuotatore e il tecnico convocati a Livigno per un collegiale. L'allenatore: «Un riconoscimento per il lavoro che da anni svolgo alla Vittorino da Feltre»

Giacomo Carini e Gianni Ponzanibbio

La Vittorino da Feltre si tinge ancora una volta d’azzurro. Non solo per i meriti agonistici di un suo campione ma, almeno in questo caso, anche per quelli di un suo storico allenatore. Il responsabile tecnico del nuoto biancorosso Gianni Ponzanibbio e il nuotatore Giacomo Carini sono infatti stati convocati dalla Federazione italiana nuoto per il raduno di “preparazione e monitoraggio” in corso di svolgimento (fino al 17 febbraio) a Livigno, in provincia di Sondrio. Ponzanibbio è stato infatti chiamato per affiancare il tecnico federale Stefano Franceschi e per guidare un’intensiva sessione di allenamento con gli atleti azzurri Arianna Polieri, Sara Franceschi, Federico Turrini, Matteo Ciampi, Nicolangelo Di Fabio e, appunto, il biancorosso Giacomo Carini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Si tratta di un collegiale basato su un intenso lavoro di preparazione tecnico-atletica - precisa Ponzanibbio - che prevede sia sedute di allenamento in palestra e a corpo libero, sia allenamenti in vasca. Il fatto di lavorare in altura è sicuramente d’aiuto in questa fase della stagione sportiva, e ci permetterà di completare la preparazione sicuramente con ottimi riscontri. Gli atleti convocati per questo raduno sono tutti mezzofondisti, soprattutto duecentisti e quattrocentisti, e credo che il programma di allenamento sarà molto utile anche a Giacomo, che sta attraversando un ottimo periodo di forma, soprattutto in proiezione dei suoi prossimi impegni agonistici. Non è la prima volta che la Federazione mi convoca per lavorare con la squadra azzurra; lo avevo già fatto la scorsa estate nel raduno premondiale e negli anni passati con le categorie giovanili. Ma l’idea di lavorare per la Nazionale italiana è sempre appagante e stimolante, un bel riconoscimento per il lavoro che da tanti anni svolgo alla Vittorino da Feltre». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • Covid19 - I dati di martedì 31 marzo: 27 morti a Piacenza, il totale sale a 543. E' ancora un giorno di dolore

  • Maradona, Bruno Conti, Baresi e il Piacenza tutto italiano. Il capitano Settimio Lucci ci racconta 20 anni di carriera

  • De Joannon all’attacco: «Ho dato la mia disponibilità per dare una mano. Da medico voglio combattere il coronavirus»

  • Calcio Dilettanti e Podenzano in lutto: ci lascia Abele Boselli. «E' la storia che se ne va»

  • La Lega Pro si interroga sul futuro. Monza, Vicenza e Reggina in B? Si studia una Serie C Elite

Torna su
SportPiacenza è in caricamento