Questo sito contribuisce all'audience di

Mountain bike - Fontana: «Alle Olimpiadi voglio una medaglia»

«Per essere appagato devo tornare dalle Olimpiadi con una medaglia». Quattro anni dopo Marco Aurelio Fontana usa la stessa tattica: spavaldo, sicuro di sé, non è di quelli che si nascondono dietro la scaramanzia. A Londra nel 2012 portò bene e una...

Marco Aurelio Fontana in azione-2

«Per essere appagato devo tornare dalle Olimpiadi con una medaglia». Quattro anni dopo Marco Aurelio Fontana usa la stessa tattica: spavaldo, sicuro di sé, non è di quelli che si nascondono dietro la scaramanzia. A Londra nel 2012 portò bene e una gara indimenticabile (in cui perse anche la sella mentre si trovava nel gruppo di testa) terminò con la medaglia di bronzo.
A due mesi esatti dalla prova olimpica di mountain bike la Gazzetta dello sport dedica una pagina al campione che vive a Castellarquato. Lo fa con l’inviato Paolo Marabini, che entra nella casa di Marco Aurelio, della moglie Elisabetta e dei figli Emiliano (2 anni e mezzo) e Gregorio (9 mesi). Prima dei Giochi ci sono i Mondiali, in calendario il 3 luglio in Repubblica Ceca: «Vorrei fare bene soprattutto per il morale, ma non ho intenzione di farmi condizionare in chiave Rio». Test importante dunque, ma qualunque sia il risultato non cambierà i programmi in vista delle Olimpiadi. Per Fontana sarà la terza esperienza dopo Pechino (chiuse quinto) e Londra, dove finì terzo. Salendo di due posizioni alla volta a Rio potrebbe anche lasciarsi tutti alle spalle. «Sono un animale da competizione - spiega alla Gazzetta - e mi carico di adrenalina non appena vedo la partenza. Gareggio sempre per vincere e sono fiducioso per la gara brasiliana». Concentrazione massima sulla gara sudamericana, ma Fontana guarda anche oltre: «Tokyo 2024? Spero proprio di esserci. Ora come ora non mi vedo da nessun’altra parte».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il mondo della pallavolo piange Osvaldo Tarasconi

  • Piacenza - Un altro angelo biancorosso è volato in cielo, ci lascia Paolo Valdatta

  • Covid19 - I dati di martedì 24 marzo: 30 morti a Piacenza, i contagiati sono 96. Venturi: «Città vicina al picco»

  • Covid19 - I dati di venerdì 27 marzo: 25 morti a Piacenza, il totale sale a 447. Venturi: «Calano i contagi»

  • Covid19 - I dati di domenica 22 marzo: 33 morti a Piacenza, è il giorno più duro per la nostra città

  • Piacenza Spoon River. Piangiamo 370 morti e un tasso di letalità apparente al 18%

Torna su
SportPiacenza è in caricamento