Questo sito contribuisce all'audience di

Motonautica - Trionfo degli italiani nella 2a tappa del mondiale O250. Il piacentino Fanzini difende il titolo

Germania - E’ podio anche per il pilota cremonese Andrea Ongari, arrivato secondo

Promessa mantenuta dalla scuderia dei piloti italiani che, nel week end appena trascorso, hanno disputato in Germania la seconda tappa del mondiale categoria O.250. Titolo difeso dal pilota piacentino Claudio Fanzini, nonostante qualche noia al sistema elettronico negli ultimi tre giri dell’ultima manche.
Esuberante la prestazione di Andrea Ongari, che partito in terza posizione, si è conquistato un meritatissimo secondo posto, raggiungendo il collega e amico Claudio sul podio. “Sono orgoglioso dei risultato, e ringrazio tutto il mio team. Abbiamo dato il massimo e gli sforzi sono stati ripagati. Adesso sono terzo nella classifica del mondiale e appena rientrati in Italia, inizieremo a lavorare per l’ultima e decisiva gara che si terrà a metà ottobre.” Queste le parole di Ongari a fine gara. Terzo gradino del podio invece per l’ungherese Peter Bodor, seguito da Matteo Gandolfi, che, in acqua col numero 87, si è brillantemente aggiudicato la quarta posizione. Gara non facile per Marco Malaspina classificatosi decimo. Una tappa dunque quella di Kriebstein che, conferma ancora una volta, la forza, la tenacia, la preparazione e il fair play dei piloti italiani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Luis Centi, l’allenatore “eroe” del Carpaneto salva la vita a una ragazza che stava annegando in Trebbia

  • LIVE Il Piacenza supera di misura 1-0 la Pro Vercelli in amichevole. Decide una rete di Pergreffi

  • Il Piacenza doma la Pro Vercelli con un gol di Pergreffi. Domenica l'esordio in campionato contro l'Arzignano

  • Calciomercato - Piacenza: dal Milan arriva il giovane attaccante Riccardo Forte

  • Calciomercato - Piacenza: stallo per Milesi. Il Catanzaro vuole Pergreffi ma il difensore non partirà

  • Piacenza - Franzini: «Alcuni concetti sono ancora da assimilare ma i segnali del gioco sono importanti»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento