Questo sito contribuisce all'audience di

Guido Ciardi chiude sesto agli Italiani di canottaggio

Ottima prova dell'atleta della Nino Bixio che si lascia alle spalle avversari di ottimo livello. Il giovane Riccardo Filace non riesce a superare le qualificazioni

Il tecnico Franco Valisa con Guido Ciardi

Sesto posto per Guido Ciardi all'idroscalo di Milano, dove 940 atleti in rappresentanza di 103 società hanno partecipato ai Campionati Italiani per le categorie Senior, Junior e ParaRowing. A difendere i colori della Nino Bixio del presidente Bonvini i due sculler Ciardi e Filace, accompagnati dall'allenatore Franco Valisa e dal consigliere Pietro Lambri.

Le regate, svoltesi su un campo ridotto a 6 corsie invece che sulle tradizionali 8 per la presenza di alghe, sono state organizzate su due giorni, per permettere la regolare progressione attraverso batterie, recuperi, semifinali e finali. La giornata di sabato ha purtroppo frenato le ambizioni di Riccardo Filace, iscritto alla regata del singolo Junior (17-18 anni) pur appartenendo ancora alla categoria Ragazzi (15-16 anni): le batterie di qualificazione, e i successivi recuperi, sono stati un ostacolo troppo alto, ma che ha dato indicazioni importanti a Valisa sullo stato di forma in vista dei Campionati Italiani Under 23 e Ragazzi di Varese che si terranno tra tre settimane.

Guido Ciardi (21 anni, appena al secondo anno di attività) ha regalato non solo a se stesso, ma anche a tutta la società, due giornate indimenticabili, che permettono di sognare concretamente l'azzurro. Il sorteggio delle batterie del singolo Senior di sabato mattina lo ha posto di fronte al fresco campione europeo del doppio Senior Filippo Mondelli, dunque Guido ha deciso saggiamente di risparmiare le forze chiudendo nelle retrovie poiché solo il primo classificato aveva accesso diretto alle semifinali. Anche nel recupero di sabato pomeriggio solo il primo posto consentiva di proseguire la marcia verso la finale; il favorito era Emanuele Giarri, già azzurro e plurimedagliato alle regate internazionali a cui ha preso parte: stavolta però nessuno poteva tenere coperte le proprie carte e Guido ha trovato le forze per staccare l'avversario di ben 6 secondi sul traguardo. Acquisita una consapevolezza che forse fino a ora era mancata, domenica mattina ha affrontato le semifinali con maggiore entusiasmo, qualificandosi per la finale eliminando atleti del calibro di Tenca, azzurro nella categoria Under 23, e Cattaneo, parte del progetto Tokio2020 per la squadra nazionale Senior. Due ore dopo Guido ha provato a dire la sua anche in finale, ma a metà gara sono state le gambe a fermarlo, stanche per la fatica accumulata e un carico a cui ancora non è abituato: dopo aver tenuto il ritmo dei migliori nella prima parte si è dovuto accontentare della sesta posizione. Questo è stato un risultato che, per la verità, ha sorpreso tutti: ora si può sognare a occhi aperti il mondiale Under 23 di Plovdiv, in programma alla fine del mese di luglio, ma per arrivarci servirà una conferma del livello mostrato anche a Varese in occasione dei Campionati Italiani di categoria il 17-18 giugno, e soprattutto alle selezioni per la maglia azzurra in programma il 25 giugno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Triestina-Piacenza 1-3: i biancorossi s'impongono al Rocco con la doppietta di Paponi e una rete di Sylla

  • Paponi da sballo: il Piacenza supera la Triestina in rimonta 1-3 e lancia un messaggio al campionato

  • Triestina-Piacenza 1-3, le pagelle dei biancorossi. Paponi firma una doppietta ma il gol di Sylla è spaziale

  • Piacenza - Franzini: «La condizione sta crescendo. Bene la personalità e la voglia di vincere»

  • Verso Piacenza-Fermana: Della Latta torna a disposizione. Biancorossi ancora con il 3-5-2

  • Piacenza - L'intuizione di Franzini e una rosa "liquida" che permette diversi moduli. Abbonamenti record

Torna su
SportPiacenza è in caricamento