Questo sito contribuisce all'audience di

Dietrofront, il Pro Piacenza trova il campo: salda la rata del Garilli e vuole giocare con l'Alessandria

Il club rossonero è riuscito a pagare in extremis al Piacenza i debiti pregressi e la rata per la gara contro i piemontesi. In serata l'incontro tra quel che rimane della Berretti e l'Assocalciatori che proverà a convincere i ragazzi a non giocare

Repentino dietrofront, a confermarlo indirettamente è lo stesso Piacenza Calcio che nel primo pomeriggio di oggi ha ricevuto il saldo dal Pro Piacenza degli arretrati relativi allo stadio Garilli e anche il saldo della prossima partita contro l’Alessandria. Quindi la notizia nuova che va registrata in casa dei rossoneri è che il campo per domenica c’è, ora rimane tutto il resto, a partire dalla squadra che invece manca tutta, o quasi. Rimane ancora in piedi la vicenda legata alla sostituzione della fideiussione Finworld, risulta che il Pro non riesca a modificarla entro la giornata ma visto il salvataggio in extremis sul fronte campo non è da escludere che il club di via De Longe alla fine riesca a produrre una nuova garanzia.

SQUADRA DI RAGAZZINI, AL MOMENTO NON SI ARRIVA A 11

Manca la squadra e da quanto raccolto tra i 12-13 giovani che ipoteticamente dovevano affrontare l’Alessandria potrebbero esserci ulteriori defezioni. I giocatori della vecchia rosa hanno dato tutti forfait e i pochi rimasti non si sono resi disponibili, metà Berretti si è chiamata fuori da questo progetto, come tutta l’Under 17. Come detto rimane una decina di ragazzi, il numero potrebbe però ridursi ulteriormente: probabilmente non sarebbero nemmeno in undici. Inoltre c’è da registrare l’incontro in programma oggi tra i legali dell’Assocalciatori e i genitori dei ragazzi. Si prevedono altre defezioni perché chi gioca, nei fatti, tiene bloccati decine di compagni che in realtà sperano nella radiazione per svincolarsi e proseguire l'attività.

CAMBIANO LE REGOLE

Intanto in extremis la Lega ha cambiato le regole d’ingaggio sui contributi per il minutaggio dei giovani, una postilla (la 4.5 bis) che riguarda specificatamente le società che versano nella situazione del Pro Piacenza. “Non rientra nel relativo calcolo le prestazioni dei giovani (dai classe 96’ in su, ndr) qualora le stesse vengano rese in gare di campionato non già per scelta tecnica, bensì in sostituzione dei calciatori professionisti iscritti in lista che si siano resi indisponibili per stato di agitazione o sciopero derivante dal mancato pagamento degli emolumenti e comunicato tramite l’associazione di categoria”. In parole povere se il Pro Piacenza nutriva la speranza di un cospicuo bottino schierando una formazione totalmente “under” deve dire addio anche a questa speranza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Nibbiano super, stop Castellana. Impresa Sannazzarese

  • Seconda Categoria - Delirio a Caorso: il pubblico entra in campo e scoppia la rissa con i giocatori

  • Piacenza-Gubbio 1-0: Paponi-gol e i biancorossi tornano alla vittoria

  • Piacenza - Matteassi: «Successo meritato». Le pagelle: Paponi è un cecchino, Corradi ispira

  • La Gas Sales all'ultimo respiro: 3-2 a Vibo

  • Piacenza - Marco Scianò: «Ricompattiamo l'ambiente, solo così si possono ottenere dei risultati»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento