Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Zappella, uomo assist dei biancorossi. «Devo crescere ancora, siamo una squadra attrezzata»

Il giovane classe 1998 esterno dell'Empoli ha confezionato cinque cross vincenti in questa prima parte di stagione. «Peccato per il pareggio contro il Modena, meritavamo molto di più. Il rigore? Più netto di così»

Davide Zappella in azione (foto Trongone)

Mazda cx30 nuova-2Tra le sorprese più belle del campionato biancorosso c’è sicuramente la progressiva crescita del giovane difensore Davide Zappella, classe 1998, arrivato in estate al posto di Corsinelli (andato al Bari nell’operazione con Nannini) sulla corsia di destra. A giocarsi il ruolo prima come terzini e poi come quinti di centrocampo c’erano lui ed El Kaouakibi, Zappella però si è ben presto preso la maglia da titolare mentre Elka ha salutato pochi giorni fa la truppa per andare alla Pianese. E’ normale, Zappella ha prenotato a ritmo di prestazioni positive il posto lì a destra e Franzini non l’ha più tolto se non in alcune occasioni per piazzarci Sestu.
Dalle sue azioni sono nati ben cinque assist, tanto da risultare tra i migliori dell’intero girone, l’ottima corsa e la maggiore propensione offensiva piuttosto che difensiva ne hanno ben presto fatto uno dei punti fermi del 3-5-2.
Arrivato a inizio luglio con la formula del prestito dall’Empoli - dove ha fatto la Primavera e una presenza in B - ha giocato mezza stagione in C al Cuneo, dopodiché l’anno successivo è arrivato all’Arezzo dove ha messo insieme 16 presenze. Quest’anno è al Piacenza per cercare di lanciarsi definitivamente nel calcio professionistico. Nato a Bergamo, a parlare per lui sono i numeri: 5 assist vincenti non sono pochi, con buona pace di chi vede in Zappella un difensore aggiunto piuttosto che un esterno di centrocampo.

Partiamo dalla Triestina contro cui all’andata hai sfornato due assist per la doppietta di Paponi.
«Ci aspetta una settimana in generale molto impegnativa con tre partite nell’arco di sette giorni. La Triestina la conosciamo, è una squadra con individualità importanti e quindi mi aspetto semplicemente una partita difficile, come tutte del resto, e anche bella».

C’è da riprendere il discorso interrotto a Modena?
«L’unico rammarico legato alla gara contro il Modena è per il risultato, il pareggio ci va molto stretto, peccato perché avevamo un uomo in più nella ripresa. Meritavamo la vittoria».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - I risultati della domenica. Giornataccia per le piacentine: solo un pari per Nibbiano e Castellana

  • Piacenza-Triestina: 1-2, gli alabardati sbancano il Garilli con la doppietta di Maracchi

  • Piacenza troppo timido sul calciomercato: le rivali comprano, progettano, rilanciano o rinforzano. L'editoriale

  • «La retrocessione in B del Piacenza nel 1994? Non fu colpa del Milan». Galliani fra calcio, ricordi e...Hristo Zlatanov

  • Piacenza - Le Pagelle: Polidori e Corradi sprecano, Bolis mai in partita. Paponi fa 13

  • Serie D - Il Fiorenzuola firma un'altra impresa: rimonta la Sammaurese e poi mette la freccia

Torna su
SportPiacenza è in caricamento