Questo sito contribuisce all'audience di

Godi Piacenza, a Mapello è promozione in Lega Pro

DAL NOSTRO INVIATO A MAPELLO (BG) - Una rete di Minincleri a ridosso della mezz’ora apre le porte del Paradiso al Piacenza Calcio. Nel finale arriva anche il pareggio di Recino ma bastava un punto ai biancorossi per...

Godi Piacenza, a Mapello è promozione in Lega Pro - 1



DAL NOSTRO INVIATO A MAPELLO (BG) - Una rete di Minincleri a ridosso della mezz’ora apre le porte del Paradiso al Piacenza Calcio. Nel finale arriva anche il pareggio di Recino ma bastava un punto ai biancorossi per potersi dire ufficialmente in Lega Pro. Per una volta, però, la partita è solo un dettaglio, un sabato del villaggio prima della festa annunciata, meritata, per la marea di tifosi biancorossi che ha letteralmente invaso Mapello. Lo spettacolo sugli spalti è stato di quelli che si vedono raramente: una tribuna stracolma, colorata del biancorosso delle pezze e delle tante bandiere. Un tifo incessante e rumoroso ha quindi scandito i lunghi minuti della partita prima dell’apoteosi finale, culminata con l’invasione di campo pacifica dei circa mille piacentini che dalle tribune si sono riversati sul terreno di gioco per abbracciare gli eroi di un’annata trionfale, conclusasi con sei giornate d’anticipo rispetto alla naturale conclusione del campionato.
Mapello è un punto d’arrivo ma anche un nuovo inizio, che il presidente Marco Gatti ha voluto varare con le prime riconferme: «Abbiamo già parlato con Franzini, sarà l’allenatore del prossimo anno - afferma il numero uno biancorosso - come Cerri sarà il direttore sportivo e Scianò il direttore generale. Partiamo da queste tre riconferme. Ora ci aspetta tanto lavoro da fare per allestire una squadra competitiva anche per l’anno prossimo». Un Piacenza che non si preclude nulla per il futuro: «Se punteremo a una salvezza tranquilla? Faremo una squadra competitiva senza porci limiti».
SUCCESSO ATTESO 4 ANNI - Viaggio all’Inferno e ritorno. Se dovessimo battezzare un titolo per gli ultimi anni della gloriosa storia del Piacenza Calcio, probabilmente non ne potremmo trovare uno che descriva meglio quello che è stato. Tutto è partito da un tragico lutto: il fallimento del 2012. Il Piacenza pareva morto, sepolto, e con lui tutto il potentissimo bagaglio di ricordi legato a quello stemma, a quei colori. Il calcioscommesse, i problemi finanziari, il fallimento e tutto ciò che di brutto c’è nel mondo del calcio avevano infangato la maglia e ferito nel profondo coloro che negli anni l’avevano sempre amata, sostenuta, difesa.
Nell’ora più buia, ecco che arrivano i fratelli Gatti, Marco e Stefano. Imprenditori piacentini, con idee semplici e chiare: tifosi al centro e Lega Pro in 3 anni. Da qui è iniziato quello che si potrebbe definire un viaggio di purificazione. Vittorie, sconfitte anche clamorose, momenti di difficoltà che più volte sembrarono mettere a repentaglio il progetto. Alla fine di anni ce ne sono voluti 4, ma senza ripescaggi, senza scorciatoie e con una promozione conquistata sul campo, avvenuta in maniera perentoria e al termine di un percorso di maturazione che porterà in dote l’esperienza necessaria per intraprendere progetti più ambiziosi. Alla fine di questo lungo viaggio, che vede il traguardo a Mapello, località ben lontana da quello che è l’epicentro del calcio che conta, troviamo una folla di tifosi biancorossi festante che ora può finalmente dire di poter riabbracciare il suo Piacenza.
Adesso quella maglia non è più sporca: non puzza più dell’odore acre del calcioscommesse. Ora è pulita, porta il profumo delle vittorie, del record di punti, del prato verde di Mapello, del bagno di umiltà della fatal Gozzano, della grinta e dell’entusiasmo di un gruppo di giocatori irripetibile, guidati da un allenatore eccezionale, meticoloso, che consegna ai suoi concittadini un capolavoro su tela da mostrare con orgoglio e petto gonfio. La firma in calce è di mister Arnaldo Franzini, ma merita un inchino anche chi lo ha scelto, gli ha dato carta bianca, lo ha accontentato in tutto e, di fatto, in questo modo ha reso possibile una cavalcata trionfale.
Una nuova alba è sorta a Mapello. La notte è passata e piazza Cavalli, finalmente, tornerà a riempirsi di uno stuolo di bandiere biancorosse.
Dal nostro inviato a Mapello (BG)
Marcello Astorri


MAPELLOBONATE-PIACENZA 1-1
Primo tempo 0-1

MAPELLOBONATE - Tenderini, Crociati, Adiansi, Piccinini, Bettoni, Bergamini, Zanga (14’ st Spiranelli), Pesce (25’ st Maglio), Recino, Esposito, Cassani (14’ st Verderio). A disposizione: Gherardi, Carneto, Gambellini, Tomas, Villa, Morelli. All. Crotti
PIACENZA - Boccanera, Di Cecco, Colombini, Sentinelli, Taugourdeau, Silva, Matteassi, Saber, Marzeglia (41’ st Porcino), Franchi (28’ st Galuppini), Minincleri. A disposizione: Cabrini, Cigognini, Ruffini, Testoni, Porcino, Mira, Pezzi, Gherardi. All. Franzini

Arbitro Tolve di Salerno, assistenti Niedda di Ozieri e Fais di Vico.

RETI: 26’ p.t. Minincleri, 49’ s.t. Recino.

NOTE - giornata soleggiata, temperatura piacevole. Campo in buone condizioni di gioco. Tiri: 5-9. Ammoniti: 37’ st Taugourdeau. Corner: 2-6. Recuperi: 1’ e 5’. Spettatori: 1450 (1110 piacentini).

IL FILM DELL PARTITA

Aggiornamento 47' st - E' finita! Il Piacenza pareggia a Mapello e si guadagna la promozione in Lega Pro con sei turni di anticipo. Il match finisce 1-1, apre Minincleri e pareggia Recino a pochi secondi dalla fine.

Aggiornamento 46' st - Incredibile pareggio del Mapello Bonate con Recino, 1-1. Al Piacenza basta il pareggio per essere promosso ma ora i biancorossi devono stare attenti.

Aggiornamento 44' st - Il Piacenza controlla il risultato, ormai mancano pochi minuti alla festa.

Aggiornamento 32' st - Iniziativa pericolosa di Adiansi, che salta tutti sulla fascia ma il suo tiro viene rimpallato in corner dall'intervento provvidenziale di Sentinelli. Nel Piacenza al 28' è entrato Galuppini al posto di un ottimo Stefano Franchi.

Aggiornamento 23' st - Ci prova anche Taugourdeau: Tenderini dice ancora no in due tempi. Grande prova del portiere di casa.

Aggiornamento 15' st - Tiro dalla distanza di Spiranelli che esce di un metro alla destra di Tenderini.

Aggiornamento 12' st - Matteassi s'invola verso Tenderini, ma l'intervento dell'ex Adiansi in chiusura è provvidenziale.

Aggiornamento 3' st - Piacenza parte subito arrembante: traversa piena di Marzeglia di testa su assist di Colombini. Sulla respinta tiro di Taugourdeau deviato in corner da Tenderini.

Aggiornamento 1' st - Iniziato il secondo tempo a Mapello. Nessun cambio nelle due squadre.

Aggiornamento 45' + 1' pt - Finisce il primo tempo a Mapello. Il Piacenza conduce per 1-0 grazie a un bel gol di Minincleri al 26' del primo tempo.

Aggiornamento 43' pt - Il Piacenza sfiora nuovamente il raddoppio, stavolta con Marzeglia che obbliga Tenderini a smanacciare il suo tiro in corner. Il Mapello per ora non riesce a imbastire una reazione al cospetto di un Piacenza motivatissimo.

Aggiornamento 37' pt - Piacenza vicino al raddoppio con Saber, punizione battuta di seconda e palla che sfiora il palo.

Aggiornamento 26' pt - Gran gol di Minincleri che insacca un perfetto suggerimento di Franchi. Piacenza in vantaggio, 0-1.

Aggiornamento 9' pt - Piacenza che preme subito forte, due corner in pochi minuti e poco fa Franchi di testa sfiora la traversa.

Aggiornamento 1' pt - Partita iniziata a Mapello.

Aggiornamento - Ecco le formazioni ufficiali. Mapello: Tenderini, Crociati, Adiansi, Piccinini, Bettoni, Bergamini, Zanga, Pesce, Recino, Esposito, Cassani. A disposizione: Gherardi, Carneto, Spiranelli, Gabellini, Tomas, Villa, Verderio, Maglio, Morelli. All.: Crotti.
Piacenza: Boccanera, De Cecco, Colombini, Sentinelli, Taugourdeau, Silva, Matteassi, Saber, Marzeglia, Franchi, Minincleri. A disposizione: Cabrini, Cigognini, Ruffini, Testoni, Porcino, Mira, Pezzi, Galuppini, Gherardi. All.: Franzini.
Arbitro: Tolve di Salerno.

Aggiornamento - Tra pochi minuti squadre in campo a Mapello per il riscaldamento. Attesi oltre 800 tifosi piacentini per la conquista della Lega Pro. Il Piacenza vince aritmeticamente se vince o pareggia, in caso di sconfitta allora deve perdere anche il Lecco con l'Inveruno.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Serie C

    La fideiussione non c'è. Il Pro Piacenza rischia di finire a -6 in classifica. «Falsano il campionato. Spregio delle regole»

  • Basket

    La Bakery vuole l'impresa in casa di Treviso. Di Carlo: «Avversario ostico, ma siamo pronti a sfidarli». VIDEO

  • Piacenza Calcio

    Calciomercato - Piacenza: per il dopo Romero si punta a Vano ma piace anche Andrea Magrassi

  • Basket

    Matteo Piccoli: «Il campionato dell'Assigeco si deciderà negli scontri diretti». VIDEO

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. L'Agazzanese torna a correre. Ok Gotico e CastellanaFontana

  • Pro Piacenza - Il campo c'è, la Berretti no. Arrivano giovani da Roma e Salerno e c'è il giallo fideiussione

  • Dietrofront, il Pro Piacenza trova il campo: salda la rata del Garilli e vuole giocare con l'Alessandria

  • Pro Piacenza - La fideiussione non è stata depositata e la squadra di domenica sarà una farsa

  • Pro Piacenza al capolinea. La Fideiussione non c'è, il campo nemmeno e si sgretola il fronte della Berretti

  • Il Pro Piacenza cosa fa contro l'Alessandria? Rimangono 11 ragazzi della Berretti e non c'è il campo

Torna su
SportPiacenza è in caricamento