Questo sito contribuisce all'audience di

Serie D - Fiorenzuola, arriva l'Adrense: l'obiettivo è chiudere novembre con un'altra bella prestazione

I rossoneri ritrovano a pieno regime Bruzzone e Libertazzi ma devono rinunciare agli squalificati Alvitrez ed Anastasia

L'ultima partita del mese di novembre vede i rossoneri affrontare, domenica 25 alle ore 14.30 al Velodromo Pavesi di Fiorenzuola, l'Adrense 1909. La squadra valdardese occupa dopo 11 giornate di campionato la settima posizione in classifica, forte di 18 punti (5 in più dell'Adrense ospite domenica). I rossoneri in questa gara potranno contare a pieno regime su Bruzzone e Libertazzi; il difensore, dopo l'ottimo spezzone giocato a San Marino, si candida per tornare al centro della difesa dopo più di 25 giorni di stop, mentre il portiere, infortunatosi a Modena dopo una partita eccezionale, sembra aver smaltito il guaio muscolare che ne aveva tormentato gli ultimi 10 giorni.
Una vera e propria porta girevole, quella che ci immaginiamo per il Fiorenzuola. Se è vero che questi due rientri risultano importanti nell'economia di squadra, bisogna anche dire che lo staff tecnico fiorenzuolano dovrà fare a meno degli squalificati Alvitrez ed Anastasia, due dei migliori nelle ultime giornate tra le fila dei rossoneri allenati da Mister Lucio Brando. Questa sliding door, tuttavia, non preoccupa eccessivamente gli addetti ai lavori, che hanno potuto vedere settimanalmente come la forza del Fiorenzuola di questa stagione sia stata finora la coesione di squadra, riuscendo a sopperire alle difficoltà rendendo importanti tutti i membri della rosa quando chiamati a scendere in campo. Proprio il Mister parla dell'ultima partita con il San Marino, che ha chiuso una settimana da 7 punti in 3 partite nel mini-ciclo di gare con Modena, Sasso Marconi e, appunto, i sammarinensi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Come sempre nelle partite di calcio gli episodi fanno la differenza. Nel primo tempo con il San Marino dovevamo chiudere la gara nei primi 20 minuti, avendo avuto diverse occasioni. Poco dopo l'espulsione di Anastasia abbiamo pagato la fisicità dei nostri avversari, in un campo difficile dove i nostri avversari avevano perso poco in generale, ma dovevamo essere più cinici nella prima frazione. Arriviamo dalla scorsa settimana dove abbiamo fatto 7 punti in 3 partite, mettendo mattoncini importanti per il corso della stagione e dimostrando cose comunque importanti. Ora abbiamo voglia e bisogno di tornare a fare dei punti pieni e delle vittorie convincenti per portare avanti la nostra classifica. Ci proveremo a partire dalla gara con l'Adrense 1909, che è comunque una squadra pericolosa che sta facendo bene in campionato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • Covid19 - I dati di mercoledì 8 aprile: 11 deceduti. Venturi: «Piacenza quasi fuori, i contagi crescono dell'1%»

  • La Lega Pro si interroga sul futuro. Monza, Vicenza e Reggina in B? Si studia una Serie C Elite

  • «Stroppa il migliore per distacco. Piacenza-Foggia 5-4? Inno al calcio». Roberto Gregori ci racconta il suo biancorosso.

  • Piacenza - Franzini lascia o no? Il tecnico non chiude la porta. Sarà decisivo l’incontro con Marco Gatti e Scianò

  • Serie D - La Lega Nazionale Dilettanti ripropone il video integrale del vibrante 3-3 tra Mantova e Fiorenzuola

Torna su
SportPiacenza è in caricamento