Questo sito contribuisce all'audience di

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il Corte Calcio regala una maglietta all'arbitro insultato alla partita di Giovanissimi

Il presidente magiostrino Fantini: «Vorremmo che fosse un incentivo per permetterti di raggiungere i tuoi sogni»

 

La sede è quella dell’Associazione degli arbitri piacentini: da una parte il padrone di casa, il presidente Domenico Gresia, dall’altra Mario Fantini, numero uno del Corte calcio. In mezzo c’è lei, Martina Felici, evidentemente sorpresa da quanto sta accadendo. Quanto successo domenica scorsa, quando è stata apostrofata malamente da una mamma durante una gara della categoria Giovanissimi («Vai a pettinare le bambole” uno degli epiteti piovuti dalla tribuna) sembra ormai alle spalle.

Il numero uno magiostrino ha in mano una scatola che contiene un regalo e prima di consegnarlo al direttore di gara vuole spiegare il motivo della decisione. «Vogliamo mettere la parola fine alla vicenda che ti ha visto tuo malgrado protagonista domenica scorsa. Come società abbiamo deciso di farti questo piccolo regalo per trasformarlo in un incentivo che ti permetta di andare avanti. Sulla confezione abbiamo scritto una frase significativa: “A volte il vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso”. Vogliamo che tu prosegua senza problemi la tua carriera».

La parola è poi passata al presidente degli arbitri Gresia, che rivolto a Martina ha spiegato: «Vogliamo chiudere la storia di domenica scorsa con un presente particolare. Non ci sono scuse da fare da parte della società, ma l’idea mi piace e ho accettato subito l’idea di coinvolgerti».

Poi il momento più atteso, l’apertura della scatola che conteneva una maglietta da arbitro nera. Un omaggio particolarmente gradito: l’Aia per il momento consegna ai direttori di gara solamente la divisa gialla e questo su alcuni campi comporta problemi nel caso una delle due squadre indossi colori simili. Adesso con la divisa nera Martina potrà dirigere senza difficoltà su tutti i campi, proseguendo la sua attività come “un sognatore che non si è mai arreso”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
SportPiacenza è in caricamento