Questo sito contribuisce all'audience di

Dallavalle ai Mondiali di Doha: «Ho due speranze, il primato personale e la qualificazione in finale». VIDEO

Il piacentino, convocato per la rassegna iridata, sarà in pedana il 27 settembre. Due anni fa aveva rinunciato ai Mondiali di Londra: «Abbiamo dimostrato che era la scelta giusta»

Andrea Dallavalle è tesserato per le Fiamme Gialle ma è cresciuto con l'Atletica Piacenza e si allena tutti i giorni al Dordoni

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Adesso, a distanza di tempo, si capisce che la scelta di due anni fa era quella giusta. La rinuncia di Andrea Dallavalle ai Mondiali assoluti di Londra sembrava un’occasione persa, senza dubbio fino a quel momento la più importante della sua vita sportiva. Adesso invece tutto torna: fare un passo alla volta paga e il piacentino torna da protagonista in maglia azzurra. Dopo aver vinto due argenti e un bronzo agli Europei giovanili ecco che il triplista delle Fiamme Gialle, cresciuto nell’Atletica Piacenza e che si allena tutti i giorni al Dordoni, veste nuovamente la casacca dell’Italia. Lo fa da assoluto protagonista, convocato dal direttore tecnico Antonio La Torre per i Mondiali in programma a Doha dal 27 settembre al 6 ottobre. Proprio nella giornata inaugurale sono previste le qualificazioni del Salto Triplo con il piacentino: l’eventuale finale è fissata per domenica 29 settembre alle 21.45 ora locale (le 20.45 in Italia).

Ultimi allenamenti al Dordoni, poi il 23 si parte per quello che rappresenta l’appuntamento fino ad ora più importante della tua carriera.

«Avevo già avuto la possibilità di partecipare due anni fa a Londra – spiega Dallavalle – ma arrivavo da una stagione infinita e l’appuntamento non era in programma, visto che avevo ottenuto lo standard di partecipazione proprio l’ultimo giorno utile. Partecipare avrebbe significato bruciare le tappe, abbiamo deciso di rinunciare e oggi posso dire che è stata la scelta giusta. Ora arriva la seconda opportunità e non me la lascio scappare, anche perché nella scorsa stagione sono stato un po’ sfortunato e non ho partecipato agli Europei assoluti a causa di un infortunio. Adesso mi attende l’appuntamento più importante della carriera, cercherò di non deludere».

Quali sono le sensazioni in questo momento?

«Arrivare in forma a fine annata non è semplice. Sto facendo il possibile per presentarmi al top, fare bella figura e onorare la maglia azzurra perché è sempre importante. Sarà un’emozione incredibile, adesso cerco di prepararmi al meglio in questi ultimi giorni poi dovrò acclimatarmi il prima possibile a Doha dove troverò un po’ caldo».

Hai già dimostrato che a livello giovanile le medaglie le sai vincere. Negli Assoluti però il compito è più complicato.

«Verissimo. Fra gli Under a livello europeo sono sempre arrivato fra i primi, la competizione era al mio livello. Adesso si parla di Mondiali, ci sono campioni olimpici e iridati, è più dura ma sarà un onore partecipare e gareggiare contro di loro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - I risultati della domenica. Nibbiano&Valtidone all'ultimo respiro, Castellana ko. Bene la Bobbiese

  • Piacenza - Desideri ed esigenze del calciomercato. Cacia e Giandonato in partenza? Il sogno è Brunori

  • Piacenza-Rimini 3-0: i biancorossi tornano alla vittoria con i gol di Paponi, Corradi e Della Latta

  • Serie D - Fiorenzuola, questa volta la rimonta non riesce. Il Progresso vince 2-1

  • Serie C - Risultati e classifica della 18a giornata gironi A, B e C

  • Piacenza - E' necessario ritrovare Cacia ma il 4-4-2 può dare la svolta tattica

Torna su
SportPiacenza è in caricamento