Questo sito contribuisce all'audience di

Atletica - Gentili d'argento agli Italiani

MILANO - DAL NOSTRO INVIATO - Resta sul podio Manuela Gentili, anche se dopo tre anni lascia il gradino più alto degli Italiani e si mette al collo la medaglia d’argento. Ma al traguardo è lei la più festeggiata, arriva una...

Manuela Gentili con la medaglia d'argento conquistata agli Italiani di Milano

MILANO - DAL NOSTRO INVIATO - Resta sul podio Manuela Gentili, anche se dopo tre anni lascia il gradino più alto degli Italiani e si mette al collo la medaglia d’argento. Ma al traguardo è lei la più festeggiata, arriva una rappresentanza del suo fan club («Un mix di palermitani e castellani» racconta Manuela), poi la sua allenatrice e il marito. «Sei un mito» le urlano tutti, lei cerca di prendere fiato dopo una gara tirata oltre la linea del traguardo.

TRIS - Il crono di 55.83 non le permette di conquistare il poker: il titolo va all’italo-cubana Yadisleidy Pedroso in 55.26, ma la piacentina si lascia alle spalle (e di parecchio) Jennifer Rockwell che chiude in 56.32. L’italo-statunitense dell’Acsi Italia nel confronto diretto più importante della stagione resta staccata di quasi mezzo secondo, ma sarà comunque lei a rappresentare l’Italia ai Mondiali di Mosca, con la Gentili a guardare la gara in televisione. Giusto? Per il cronometro no, per i tecnici invece sì.

NATURALIZZATE - All’Arena di Milano intitolata a Gianni Brera la piacentina è protagonista di una storia di quelle che avrebbe raccontato volentieri il grande giornalista. Sfavorita nonostante i tre titoli consecutivi, Manuela deve fare i conti con due naturalizzate che trasformano gli Italiani in una sorta di meeting internazionale. La Pedroso a recitare il ruolo della lepre con la Rockwell principale antagonista.

La Gentili cerca di non farsi condizionare, quando si presenta sui blocchi si sistema la coda, poi beve un sorso d’acqua e si rinfresca la faccia in una giornata torrida. Tutti gesti compiuti migliaia di volte, ma in questa occasione hanno un significato ancora più importante. Poi le altre si agitano vicino ai blocchi, mentre la piacentina utilizza come sgabello l’indicazione della sesta corsia per concentrarsi. Si parte e a metà gara Pedroso e Rockwell sono davanti, con la Doveri che dà l’impressione di reggere il ritmo di Manuela. Ma dall’ottavo, ostacolo, quando la Pedroso affianca la Gentili che inizia a vederla, inizia un’altra gara: accelerazione decisa e nuovo cambio di marcia in rettilineo con la chiusura al secondo posto in rimonta. Poi tutti i meritatissimi applausi sono per lei; la maglia azzurra purtroppo no.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Agazzanese, CastellanaFontana e Pontenurese a valanga

  • Piacenza-Fermana 0-1: i marchigiani sbancano il Garilli con una rete di Cognigni

  • Serie C - Risultati e classifica della 4a giornata gironi A, B e C

  • Verso Piacenza-Fermana: Della Latta torna a disposizione. Biancorossi ancora con il 3-5-2

  • Piacenza, pomeriggio nerissimo. La Fermana sbanca il Garilli con un gol di Cognigni

  • Piacenza - L'intuizione di Franzini e una rosa "liquida" che permette diversi moduli. Abbonamenti record

Torna su
SportPiacenza è in caricamento